La mela che non annerisce

mela ogm arctic apple annerisce

Ti faccio una domanda…quando tagli una mela, si annerisce?

Sono certa che d’istinto risponderesti subito sì. Eppure se ci pensi bene (o vai a tagliarne una ora) vedrai che è solo un “vecchio” ricordo.

Mi pongo spesso domande su cose apparentemente ovvie e questa è una di quelle.

E’ capitato per caso. Mi sono accorta che non incitavo più i miei figli a sbrigarsi di mangiare una mela appena capata…quando invece ricordo che fino a poco tempo fa, dovevano mangiarla in fretta perché poi si faceva marrone ed era un guaio convincerli a finirla!

La mela OGM che non annerisce

Compro quasi sempre le mele Golden e incuriosita da questa cosa ho cercato online qualche informazione a riguardo, fosse mai che mangiamo mele OGM e non lo sappiamo…

Ed ecco che compaiono articoli sulla nuova mela OGM di cui vanno fieri negli USA, la ARCTIC APPLE. E’ il risultato dell’eliminazione del gene che codifica l’enzima che fa sì che piante e frutta, una volta aperte, imbruniscano. La artic, valida per le varietà Granny Smith, Golden Delicious e Fuji, è la prima mela geneticamente modificata.

Si legge di quanto siano felici dall’altra parte del mondo di poter impacchettare e distribuire a tutti i bambini delle mele che non anneriscono mai!

Di contro, spuntano fuori gli articoli polemici italiani.

Come questo del 2014 dove si spiega il disaccordo della Coldiretti:

L’arrivo della prima mela geneticamente modificata che non annerisce e mantiene l’aspetto sempre fresco una volta tagliata a fette non interessa ai quasi 8 italiani su 10 (76 per cento). E’ quanto ribadisce la Coldiretti in riferimento all’annuncio della richiesta di commercializzazione da parte dell’azienda canadese Okanagan Specialty Fruits della Arctic Apple.
Le prime varietà ad arrivare sul mercato dovrebbero essere – precisa la Coldiretti – le Golden Delicious e le Granny Smith, manipolate geneticamente con l’inserimento di un gene “anti-macchia”.

O come questo, del 2015 in cui si legge sempre che 8 italiani su 10 sono contrari alla mela modificata geneticamente, ma in più si parla dei rischi per la salute umana:

I rischi e i pericoli per la salute umana non mancano, come dimostra anche il rapporto di Friends of the Earth, così come si teme la contaminazione ambientale. In Italia gli ogm trovano l’opposizione di quasi 8 italiani su 10 (76 per cento).

E in cui inseriscono proprio il video promozionale della ARCTIC APPLE in cui mettono a confronto una mela normale e quella OGM tagliate con un timer:

Dopo il 2015 il buio completo. Nessun articolo che parli più di queste mele. Negli USA vanno alla grande, qui non se ne parla come fosse un tabù.

Sarà una mia impressione personale, ovviamente, ma questa cosa mi è risultata strana.

Esperimento sulla mia Mela Golden

Non contenta, mi cimento in un paio di esperimenti, vediamo se davvero le nostre mele italiane anneriscono come prima, o no.

Prendo una mela golden acquistata in supermercato.

Cosa succede se lascio uno spicchio all’aria per qualche ora?

Ecco nelle foto cosa è successo (ho riportato in didascalia l’ora e la data segnata dallo scatto):

dopo 42 ore è ancora chiara!

Riguardando il video, questa mela nelle foto è più simile alla ARCTIC che a quella di sinistra!

Mi sono detta “se questa fosse stata OGM allora prendo una BIO che sicuramente sarà più sana e le confronto”.

Quindi ho ripetuto l’esperimento con una mela golden BIO, ma dalle foto che seguono non si nota nessuna differenza!

dopo 58 ore è ancora chiara!

A voi l’ardua sentenza…

La provenienza delle due mele è italiana, come specificato dalle etichette ed esposto dai negozi dove le ho comprate.

I casi, a mio parere personale, potrebbero essere questi:

  1. le due mele si sono “evolute naturalmente” negli anni, sono classiche Golden che non presentano più il problema dell’annerimento
  2. in Italia è consentita la coltivazione OGM quindi stiamo usando i semi delle ARCTIC, anche nel biologico
  3. non sono italiane, sono OGM ma le hanno importate (contrariamente a quanto dichiarato sulle etichette)

Per il punto 2. sapevo che in Italia era vietato seminare OGM ma facendo parte della Comunità Europea possiamo importare prodotti OGM.

Ho cercato online sul divieto di coltivare OGM in Italia e qui viene riportata la normativa, ma mi salta all’occhio quest’ultima parte:

Il 6 febbraio 2015, il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso di un agricoltore friulano, Giorgio Fidenato, sostenitore delle colture di mais geneticamente modificato, che chiedeva il permesso di utilizzare questo tipo di sementi. La sentenza ribadiva il divieto italiano di qualsiasi coltivazione di piante e raccolti OGM. La vertenza è stata portata avanti alla Corte di giustizia europea, che, decidendo sul ricorso di Fidenato, il 13 settembre 2017 ha pronunciato una sentenza in cui viene censurato come ingiustificato il divieto di coltivazione sancito dal decreto interministeriale del 12 luglio 2013

Non sono un avvocato, ma hai capito anche tu come me che è possibile usare semi OGM in Italia?

Quindi, nonostante il parere contrario dei consumatori italiani, le stiamo mangiando e ancora non è scritto da nessuna parte che è così? Gli articoli a riguardo si fermano al 2015-2016.

Non posso credere di aver trovato lo scoop, qualcosa deve per forza sfuggirmi…e chiedo espressamente a chi lo desidera di commentare con quello che sa a riguardo.

Come possiamo scegliere?

A questo punto non so più cosa dirvi!

Nello stile di vita Paleo puntiamo molto su cibi semplici, naturali, che siano biologici o grass fed quando parliamo della carne.

Ma sappiamo bene che la frutta non è più quella di una volta. Che per incroci dettati dalla volontà umana o dalle occasioni che offre la natura, le specie sono diverse e con caratteristiche numerose.

Eppure questa mela qualche anno fa si comportava diversamente!

Può essere stata realizzata una modifica sul campo, nulla di così eclatante.

Ma se invece fosse stata fatta in laboratorio? Se fosse davvero OGM?

I danni dell’OGM non sono chiari, le opinioni si dividono. Siamo pronti a mangiare questi cibi? Siamo così resistenti da assecondare queste modifiche, naturali o artificiali che siano?

Volenti o nolenti, siamo protagonisti di questo cambiamento e di tanti altri di cui molto probabilmente neanche ci accorgiamo. Personalmente non guardo più le mele come una volta, questo è certo.

Se prima quasi mi imponevo a mangiarne e mi impuntavo anche sui miei figli, forse oggi non ho più voglia di farlo.

Cosa ne pensate?

Caterina Borraccino


novembre 22, 2018

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *