Cos’è la DIETA GAPS

La Dieta GAPS è stata messa a punto dalla dottoressa Natasha Campbell-McBride.

GAPS è l’acronimo di Gut and Psychology Syndrome, ma anche di Gut and Physiology Syndrome, ovvero la Sindrome Psico-intestinale e la Sindrome Fisio-Intestinale.

Qui in basso puoi SCARICARE GRATUITAMENTE la GUIDA ALLA DIETA GAPS!

Ti consiglio di leggere i suoi libri, puoi trovarli elencati qui: https://benesserepaleo.com/libri

la dieta GAPS è approccio che individua un’intima correlazione tra la salute intestinale e le patologie psicologiche e fisiche.

Questo di seguito è un articolo della dott.ssa Campbell-McBride, pubblicato nel Journal of Orthomolecular Medicine, che vi chiarirà tutti i dubbi su cos’è la Dieta GAPS e quanto sia importante la sua conoscenza e applicazione nella nostra quotidianità.

Ascolta il mio video su “Cos’è la DIETA GAPS”

 

Dott.ssa Caterina Borraccino

Biologa nutrizionista

Certificata GAPS PRACTITIONER

www.caterinaborraccino.it

Viviamo in un mondo di epidemie

I problemi psichiatrici nei bambini e negli adulti stanno diventando sempre di più e sempre più comuni:

Disturbi dello spettro autistico, disturbo da deficit dell’attenzione e iperattività (ADHD/ADD), schizofrenia, dislessia, disprassia, depressione, disturbo ossessivo-compulsivo, disturbo bipolare e altri disturbi neuropsicologici.

Nella pratica clinica queste condizioni si sovrappongono tra loro. Un paziente con autismo spesso è iperattivo e disprassico. C’è circa il 50% di sovrapposizione tra dislessia e disprassia e una sovrapposizione del 25-50% tra ADHD/ADD e dislessia e disprassia.

Bambini con queste condizioni vengono spesso diagnosticati come depressi e man mano che crescono sono più inclini all’abuso di droghe o all’alcolismo rispetto ai loro coetanei a sviluppo normale.

Un giovane con diagnosi di schizofrenia spesso nell’infanzia soffriva di dislessia, disprassia o/e ADHD/ADD. Quando iniziamo ad esaminare i pazienti con questi cosiddetti “disturbi mentali”, troviamo che sono malati anche fisicamente:

problemi digestivi, allergie, eczema, asma, intolleranze alimentari varie e anomalie del sistema immunitario sono universalmente presenti tra loro.

Abbiamo creato diverse “scatole diagnostiche” per questi pazienti, ma un paziente moderno non si adatta perfettamente a nessuna di queste.

Il paziente moderno nella maggior parte dei casi si inserisce in un quadro piuttosto complesso, una sovrapposizione di disturbi neurologici e psichiatrici.

Perché tutte queste condizioni sono correlate? Cosa ci sfugge?

Esiste un fattore comune a tutti, è lo stato del loro sistema digestivo.

Devo ancora incontrare un bambino o un adulto con autismo, ADHD/ADD, disprassia, dislessia, schizofrenia, disturbo bipolare, depressione o disturbo ossessivo-compulsivo che non presenti anomalie digestive.

In molti casi sono abbastanza gravi da permettere ai pazienti o ai loro genitori di iniziare a parlarne per primi.
In alcuni casi i genitori possono non menzionare l’apparato digerente del loro bambino, ma quando gli vengono fatte domande dirette, descrivono una pletora di problemi intestinali.

Allora, che cosa hanno a che fare i problemi intestinali con questi cosiddetti problemi mentali?

Secondo recenti ricerche ed esperienze cliniche molto!

Sembra infatti che l’apparato digerente del paziente è la chiave del suo stato mentale.

Quando si esamina un paziente è molto importante chiedere la storia sanitaria del
genitori. Si pensa subito alla genetica, ma non è solo questa.

C’è qualcosa di molto importante che i genitori, la madre in particolare, trasmettono al loro bambino: la loro microflora intestinale unica.

Non molti sanno che un adulto in media trasporta 2 kg di batteri nell’intestino. Ci sono più
cellule in quella massa microbica di quante siano le cellule in un corpo umano.

È un micromondo altamente organizzato, in cui determinate specie di batteri devono predominare per mantenerci sani fisicamente e mentalmente.

Il loro ruolo nella nostra salute è così importante, che semplicemente non possiamo permetterci di ignorarli.

Dopo aver studiato centinaia di casi di condizioni neurologiche e psichiatriche nei bambini
e negli adulti, è emerso un quadro di salute tipico delle loro mamme: a causa di vari
fattori moderni una mamma ha una flora intestinale seriamente compromessa quando concepisce e quando partorisce i suoi figli.

 

Infatti, i segni clinici della disbiosi intestinale (flora intestinale anormale) sono presenti in quasi il 100% delle madri di bambini con problemi neurologici e psichiatrici.

Un bambino nasce con un intestino sterile. Nei primi 20 giorni circa di vita l’intestino del bambino è popolata da una miscela di microbi. Questa è la flora intestinale del bambino, che avrà un effetto decisivo sulla salute per il resto della sua vita.

Da dove viene questa flora intestinale? Principalmente dalla madre al momento della nascita.

Qualunque sia la flora microbica che ha la madre, viene passata al bambino appena nato. I padri con
la flora intestinale alterata contribuiscono alla flora corporea della madre e attraverso di lei a quella del bambino.

Il ruolo e l’importanza della flora intestinale

La flora intestinale è qualcosa a cui non pensiamo spesso. Eppure il numero di funzioni che esplica è così vitale per noi che se un giorno il nostro tratto digestivo fosse sterilizzato noi probabilmente non sopravvivremmo!

La prima funzione è la corretta digestione e l’assorbimento del cibo.

Se un bambino non acquisisce una flora intestinale equilibrata, non digerirà e non assorbirà gli alimenti correttamente, sviluppando molteplici carenze nutrizionali.

E questo è ciò che vediamo comunemente nei bambini e negli adulti con difficoltà di apprendimento, problemi psichiatrici e allergie. Molti di questi pazienti sono malnutriti. Anche nei casi dove il bambino può crescere bene, i test rivelano alcune tipiche carenze nutrizionali di molti minerali importanti, vitamine, grassi essenziali, molti amminoacidi e altri nutrienti.

Oltre alla normale digestione e all’assorbimento del cibo, una flora intestinale sana e attiva sintetizza vari nutrienti:

vitamina K, acido pantotenico, acido folico, tiamina (vitamina B1), riboflavina (vitamina B2), niacina (vitamina B3), piridossina (vitamina B6), cianobalamina (vitamina B12), vari amminoacidi e proteine.

Infatti, le persone con disbiosi intestinale presentano carenze di questi nutrienti.

L’esperienza clinica mostra che ripristinare i batteri benefici nel loro intestino è il modo migliore per affrontare queste carenze.

Oltre a svolgere un ruolo fondamentale nel nutrire il corpo, i batteri benefici nell’intestino agiscono come le domestiche per l’apparato digerente.

Ricoprono l’intera superficie dell’intestino proteggendo dagli invasori e dalle tossine fornendo una barriera naturale e producendo antibatterici, sostanze antivirali e antimicotiche.

Allo stesso tempo forniscono il rivestimento intestinale e il nutrimento. I batteri benefici controllano vari microbi opportunisti e patogeni nell’intestino. La mancanza di batteri benefici permettere ai microbi che causano malattie di crescere e occupare gran parte del sistema digestivo provocando danni e infiammazioni alla parete intestinale.

Quindi, non è una sorpresa che quando la flora intestinale è anormale il tratto digestivo stesso non può essere sano.

 

La maggior parte dei pazienti con disturbi dell’apprendimento, disturbi psichiatrici e allergie presenta problemi digestivi: costipazione e diarrea, coliche infantili e dolori addominali, gonfiore e flatulenza, reflusso e indigestione.

I gastroenterologi rilevano spesso un processo infiammatorio nell’intestino e a molti di questi
pazienti viene diagnosticata la celiachia.

Ospitare una massa di microbi patogeni nell’intestino non è sano. Infatti, molto prima che questi pazienti sviluppano i cosiddetti disturbi mentali, di solito soffrono di problemi digestivi e di altri sintomi tipici della disbiosi intestinale praticamente dall’inizio della loro vita.

Il ruolo e l’importanza del sistema immunitario

Un bambino nasce con un sistema immunitario immaturo.

Offrire una flora intestinale equilibrata nei primi giorni di vita gioca un ruolo cruciale nella giusta maturazione del sistema immunitario.

Se il bambino acquisisce una flora intestinale compromessa dalla madre è immuno-compromesso.

Il risultato sono infezioni seguite da molti cicli di antibiotici, che danneggiano la flora intestinale del bambino e il sistema immunitario ancora di più.

I batteri benefici nell’intestino garantiscono un’adeguata produzione di diverse cellule immunitarie, immunoglobuline, mantenendo l’immunità nel giusto equilibrio.

Un danno inflitto alla flora intestinale in genere porta a uno squilibrio tra le principali cellule adibite all’
immunità, con conseguenti allergie, asma ed eczemi, sintomi che comunemente presentano i bambini e gli adulti con condizioni neurologiche e psichiatriche.

C’è una quantità immensa di ricerche pubblicate sullo stato del sistema immunitario in pazienti con disturbi dell’apprendimento e con problemi psichiatrici.

La ricerca mostra anomalie in tutti i principali gruppi di immunoglobuline. Gli autoanticorpi più comuni trovati sono contro la proteina basica della mielina (MBP) e del filamento assone-neurone ​​(NAFP).

Questi anticorpi attaccano il cervello della persona e il resto del sistema nervoso.

Per riassumere

Un bambino nato da genitori con flora intestinale anormale non acquisisce una flora intestinale normale fin dall’inizio.

La flora potrebbe essere stata ulteriormente danneggiata da usi ripetuti di antibiotici e vaccinazioni.

Di conseguenza, questi bambini soffrono comunemente di problemi digestivi, allergie, asma ed eczemi.

Tuttavia, nei bambini e negli adulti che sviluppano problemi neurologici e psichiatrici, succede qualcosa di ancora più grave.

Senza il controllo dei batteri benefici, virus, funghi opportunistici e patogeni hanno buone possibilità di occupare ampi spazi nel tubo digerente e crescono in grandi colonie.

Due gruppi in particolari, che si trovano più comunemente durante i test, sono i lieviti (comprese le specie Candida) e la famiglia Clostridia.

Questi microbi patogeni iniziano a governare il cibo a loro modo, producendo grandi quantità di sostanze tossiche, assorbite poi nel flusso sanguigno, e trasportate al cervello attraversando la barriera emato-encefalica.

Il numero e la miscela di tossine può essere molto soggettivo, causando diversi sintomi neurologici e psichiatrici.

A causa dell’assenza o del numero ridotto di batteri benefici nella flora intestinale, il sistema digestivo della persona invece di essere fonte di nutrimento diventa una delle principali fonti di tossicità nel corpo.

La miscela di tossicità in ogni bambino o adulto può essere abbastanza individuale e diversa.

Ma ciò che hanno in comune è la disbiosi intestinale (flora intestinale anormale).

La tossicità, che è prodotta dalla massa microbica anormale, stabilisce in questi pazienti un legame tra l’intestino e il cervello.

Ecco perché è logico raggruppare questi disturbi sotto un unico nome:
la sindrome dell’intestino e della psicologia (GAPS).

I bambini e gli adulti GAPS possono presente con sintomi di autismo, ADHD, ADD, DOC, dislessia, disprassia, schizofrenia, depressione, disturbo bipolare, disturbi del sonno, allergie, asma e
eczema in ogni possibile combinazione.

Questi sono i pazienti che cadono attraverso il divario delle nostre conoscenze mediche. Qualsiasi bambino o adulto con difficoltà di apprendimento, neurologico o con problemi psicologici e allergie dovrebbe essere esaminato a fondo per la disbiosi intestinale.

Il ripristino della normale flora intestinale e il trattamento dell’apparato digerente della persona devono essere il trattamento numero uno per questi disturbi, prima di considerare qualsiasi altro trattamento
con farmaci o altro.

La sindrome psico intestinale (sindrome GAP o GAPS) stabilisce la connessione tra lo stato dell’intestino del paziente e il funzionamento del cervello.

Questa connessione è conosciuta dai medici da molto tempo.

Il padre della moderna psichiatria francese lo psichiatra Phillipe Pinel (1745-1828), dopo aver lavorato con i malati di mente per molti anni, concluse nel 1807:

“La sede primaria della follia è generalmente nella regione dello stomaco e dell’ intestino”.

Molto prima di lui Ippocrate (460-370 a.C.), padre della medicina moderna disse:

“Tutte le malattie iniziano nell’intestino!”

Più impariamo con i nostri strumenti scientifici moderni, più ci rendiamo conto di quanto avessero ragione!


Dott.ssa Caterina Borraccino

Biologa Nutrizionista

Dieta Paleo – Dieta Chetogenica – Dieta GAPS

Certificata GAPS PRACTITIONER

https://www.caterinaborraccino.it/


Per saperne di più sulla Sindrome dell’Intestino e della Psicologia, come si sviluppa e come trattarla
in modo efficace con un protocollo nutrizionale valido si prega di leggere il libro della dott.ssa Natasha Campbell-McBride:

“La Sindrome Psico Intestinale. Trattamento naturale per autismo, ADHD/ADD, dislessia, disprassia, depressione e schizofrenia”.

 

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI SULLA DIETA GAPS

Scarica la GUIDA ALLA DIETA GAPS!

Invia il form e ricevi gratuitamente la GUIDA ALLA DIETA GAPS!

È un documento in cui ho desiderato semplificare, riorganizzare e riordinare tutti i punti importanti per seguire al meglio il protocollo GAPS.

Non sostituisce una consulenza e un piano nutrizionale personalizzato, ma è uno strumento utile per comprendere quali patologie si possono trattare, quali sono i cibi consentiti nella dieta GAPS, stadio per stadio, come si passa dalla dieta GAPS INTRODUTTIVA alla dieta GAPS COMPLETA.

Invia il form e dopo pochi minuti arriverà la guida nella casella email da te indicata. Se non la vedi controlla in “Spam” o “Promozioni”.

Salvala sul tuo smartphone e leggila ovunque sei!

Buona lettura!

Dott.ssa Caterina Borraccino

INVIA IL FORM PER RICEVERE LA “GUIDA alla DIETA GAPS”

 
 
Foto 17-04-21, 21 26 46

Ascolta i miei video:

TI ASPETTO SU FACEBOOK

Segui la Pagina BenEssere Paleo con un Like e sarai aggiornato sui nuovi articoli!

Clicca e iscriviti ai miei Gruppi Facebook:

BenEssere Paleo  BenEssere Paleo Donna  Dieta GAPS Italia

Dicembre 20, 2021

Tag:

Lascia un commento