Qual è la tua dieta ideale?

La domanda che ci facciamo continuamente, quale sarà mai la dieta ideale specifica per noi?

Ne proviamo tante, alcune sono una delusione, altre un successo…ma che svanisce nel tempo.

Perché?

Vi riporto un bellissimo articolo della dott.ssa Natasha Campbell-McBride che mi ha tolto le frasi di bocca, condivido ogni suo ragionamento ed è così che agisco per ogni singolo paziente:

PERSONALIZZARE TUTTO IL PERCORSO, NON UNA SOLA DIETA, NON UN SOLO PERIODO, MA UN CONTINUUM NEL PIENO RISPETTO DEI CAMBIAMENTI CHE IL NOSTRO CORPO SUBISCE NATURALMENTE!

 

Qui in basso puoi SCARICARE GRATUITAMENTE la GUIDA ALLA DIETA GAPS!

Buona lettura!

Dott.ssa Caterina Borraccino

Biologa Nutrizionista

Certificata GAPS PRACTITIONER

 

PRIMA DI ENTRARE NEL DETTAGLIO ASCOLTA IL MIO VIDEO

Gli errori più comuni che si commettono nella DIETA PALEO e nella DIETA CHETOGENICA e perché la DIETA GAPS le perfeziona

 

La carne di un uomo è veleno per un altro uomo

Siamo tutti diversi, ognuno di noi è un individuo unico.

Per questo non c’è nulla che vada bene per tutti. Basti pensare a quante diete esistono:

  • A alto o basso contenuto di carboidrati
  • A alto o basso contenuto di grassi
  • A alto o basso contenuto di proteine
  • Tutto crudo o tutto cotto…

Ed è interessante vedere come una dieta che va bene ad una persona non è il massimo per un’altra.

Perché?

Beh, perché nel Tango si balla in due, il cibo e il corpo devono trovarsi per andare d’accordo!

Può esistere un buon cibo ma non è detto che si “sposi” bene con chi lo mangia.

Ognuno di noi ha una costituzione diversa, legata anche all’eredità genetica degli individui da cui discendiamo.

Se avessimo parenti vichinghi o eschimesi avremmo molto probabilmente necessità di molto pesce, di carne e di grassi.

Se discendessimo invece da popoli mediterranei o tropicali è possibile che avremmo bisogno di più carboidrati.

Si pensi che la medicina cinese e quella ayurveda classificano le persone per tipologie di costituzione.

E questa da sola ancora non basta.

Siamo, infatti, soggetti alla stagionalità, alle ore solari, subiamo cicli di processi anabolici e catabolici, ovvero di autocostruzione e di purificazione. Questo accade anche nell’arco di una giornata.

Per costruire il proprio corpo abbiamo bisogno di nutrienti che sono ben diversi da quelli che usiamo per purificarlo.

Ad esempio i cibi animali costruiscono e quelli vegetali purificano.

A seconda della stagione, dell’orario, del livello di stress in cui viviamo, il nostro corpo può trarre energia scegliendo di usare il glucosio oppure i grassi.

E lui sa quando è il momento di usare l’uno o l’altro.

Per questo richiede nutrienti ben diversi a seconda di cosa ha scelto.

Abbiamo tutti un sistema nervoso autonomo, responsabile del nostro “pilota automatico” che regola le funzioni del nostro corpo: per il battito del cuore, per la circolazione del sangue, per il sistema digestivo ecc.

Il sistema nervoso autonomo è composto da due rami: un sistema nervoso simpatico e un sistema nervoso parasimpatico.

Questi due sistemi generalmente lavorano in opposizione tra loro fornendo un equilibrio molto complesso in ogni funzione del corpo.

Anche in questo caso, a seconda di un numero infinito di fattori (giornaliero, ciclo di attività e sonno, stagione, tempo atmosferico, stress, infezione, alimentazione/purificazione, occupazione in quel momento, ecc.) passerai dall’essere “simpatico dominante” a “parasimpatico dominante”.

Questo cambiamento può accadere più volte al giorno, in giorni diversi, in ogni stagione ed è diverso nelle diverse fasce d’età.

Ma questi due rami del nostro sistema nervoso richiedono insiemi molto diversi di nutrienti:

a uno piace la carne e il grasso, mentre l’altro ha bisogno di più alimenti vegetali.

Solo il tuo corpo sa di quali proporzioni di proteine/grassi/carboidrati ha bisogno in un dato momento della tua vita; nessun laboratorio o scienziato sarà in grado di calcolarlo per te.

Poi c’è l’equilibrio acido/base nel corpo, che cambia di nuovo continuamente ogni giorno a seconda di molti fattori.

C’è un mito che sostiene che “essere acido fa male” e che dobbiamo sforzarci a essere sempre alcalini.

Cibi diversi sono stati classificati come “alcalinizzanti” (come frutta e verdura) o “acidificanti” (come cereali e carne).

Questo semplicemente non è vero.

Il tuo corpo passa da uno stato alcalino a uno acido continuamente a seconda di molti fattori: l’attività del sistema nervoso autonomo, il tipo di produzione di energia in quel momento, il tuo profilo ormonale in quel momento, la respirazione, la funzione renale, molte delle quali a loro volta cambiano in base al ciclo giornaliero, alla stagione, al tempo e alla tua attività.

A seconda di tutti questi fattori una mela, per esempio, che è considerato un alimento “alcalinizzante”, può rendere acido il tuo corpo e, viceversa, un pezzo di carne, che è considerata “acidificante”, può rendere il tuo corpo alcalino.

Solo il tuo corpo sa come utilizzare gli alimenti in ogni momento della tua vita; solo il tuo corpo ha l’intelligenza per fare questi calcoli incredibilmente complessi.

Come se non bastasse, c’è l’equilibrio idrico ed elettrolitico nel corpo, che cambia anche lui continuamente a seconda di molti fattori.

La nostra medicina ufficiale ha dichiarato che il sale è “malvagio” e raccomanda di ridurne il consumo.

Il sale raffinato non dovrebbe essere consumato proprio come non dovrebbero essere consumati tutti gli alimenti trasformati (sono innaturali per la fisiologia umana e non dovrebbero essere chiamati “cibo”).

Tuttavia, il sale naturale non lavorato (come il sale cristallino dell’Himalaya o il sale celtico) contiene più di 90 minerali e non solo ci fa bene, è fondamentale per il nostro organismo per mantenere il giusto equilibrio acqua/elettroliti.

Poi c’è il mito che bisogna bere tanta acqua ogni giorno, anche quantità diverse specificate in litri-al-giorno e prescritte in letteratura.

Seguire questo consiglio ciecamente può metterti in un sacco di guai, se il tuo corpo ha un basso contenuto di elettroliti e ha bisogno di sale invece dell’acqua.

Non importa quanto intelligenti pensiamo di essere, non possiamo calcolare quanto sale o acqua dovremmo consumare in un dato momento:

solo il corpo lo sa e ha ottimi modi per dire ciò di cui ha bisogno:

la sete per l’acqua

la voglia di sale o qualche alimento particolare, che possa avere la giusta composizione minerale.

Non commettere errori: il tuo corpo conosce la composizione nutritiva degli alimenti su questo pianeta!

Questi sono solo alcuni fattori per dimostrarti che nessun laboratorio, nessun dottore o…

scienziato e nessun libro intelligente può calcolare per te cosa dovresti mangiare alle 8 del mattino, oppure alle 13:00 o alle 18:00 o nel mezzo.

Solo il tuo corpo ha l’intelligenza insuperabile per capire ciò di cui ha bisogno in un dato momento della tua vita, poiché le tue esigenze nutrizionali cambiano continuamente: ogni minuto, ogni ora e ogni giorno.

Quindi cosa facciamo?

Come ci nutriamo correttamente?

La risposta è: riconnettersi con l’intelligenza interiore del nostro corpo.

Pensa: se il tuo corpo ha bisogno in una determinata ora di tante proteine ​​ + tanto grasso + tanti carboidrati + tanta vitamina B12 e tanto di vitamina C, come potrebbe farti sapere che ha bisogno di questa particolare composizione di nutrienti?

E anche se il tuo corpo avesse un modo per farti conoscere tutte queste informazioni, come farebbe?

Riusciresti a fornire questo mix di nutrienti?

Come fai a calcolarli tutti? E a fornire le giuste quantità?

Bene, Madre Natura è gentile e non ci chiede di fare qualcosa di così complicato. Invece ci ha dato i sensi di ODORE, GUSTO, DESIDERIO per un cibo particolare e un senso di SODDISFAZIONE dopo averlo mangiato.

Quindi, quando il tuo corpo ha bisogno di un particolare mix di nutrienti, ti farà venire voglia di un alimento particolare, che contiene proprio quel giusto mix; questo cibo particolare avrà un profumo e un sapore divini, e ti sentirai soddisfatto dopo averlo mangiato.

Ma in un’ora o due le esigenze del tuo corpo cambiano e quel particolare cibo non ti piacerà più.

Avrai il desiderio di un altro alimento, che a livello nutritivo ti servirà correttamente per quel particolare momento della tua vita.

Quindi, l’unico modo per servire i nostri corpi correttamente con il cibo giusto è essere in contatto

con i nostri sensi!

Pensiamoci un po’ di più.

Il DESIDERIO di un cibo particolare

La parola “desiderio” ha un significato un po’ negativo per molte persone grazie a secoli di condizionamento religioso e politico, il desiderio è considerato qualcosa a cui “dobbiamo” resistere” e a cui non dobbiamo “soccombere”.

Eppure, il desiderio di un cibo particolare è il modo principale per il corpo di comunicare ciò di cui ha bisogno in ogni momento dal punto di vista nutrizionale.

Quindi, quando sei affamato fermati e pensa: “Cosa desidererei mangiare in questo momento? Qual è il cibo più attraente per me in questo momento?”

Dimentica tutti i libri che hai letto, dimenticati tutti i mantra nutrizionali di ciò che devi mangiare in un particolare momento della giornata, e chiediti solo queste domande.

La risposta arriverà immediatamente, e solo il pensiero di questo cibo particolare ti riempirà la bocca di saliva.

Rispetta il tuo desiderio! Il desiderio è l’intelligenza corporea interiore che ti parla, ti fa sapere di cosa ha bisogno per mantenerti in salute, energico e felice.

Se ascolti il ​​tuo desiderio ogni volta che mangi, potrai digerire bene quel cibo e ti farà solo bene, perché l’hai mangiato al momento giusto, proprio quando il tuo corpo lo chiedeva.

Il problema è che nel nostro mondo moderno e commerciale i desideri delle persone per il cibo sono stati manipolati attraverso l’uso di sostanze chimiche che danno assuefazione e che alterano il gusto.

Sì, i cosiddetti “cibi” trasformati contengono sostanze chimiche specificamente progettate per renderli avvincenti. Ascoltare il tuo desiderio si applica solo ai cibi naturali – cibi che Madre Natura ha progettato. Smetti di mangiare cibi lavorati e il tuo normale senso di desiderio del cibo tornerà.

Il senso dell’OLFATTO

Hai mai osservato animali? Non metteranno mai niente in bocca senza annusarlo prima. Come mai?

Perché gli animali selvatici sono pienamente in contatto con i loro istinti e l’intelligenza interiore al proprio corpo.

L’olfatto fornisce al corpo molte informazioni sul cibo: è sicuro da mangiare, è stato contaminato da sostanze chimiche o microbi, è fresco?

E soprattutto, è appropriato per le tue esigenze corporee in quel momento?

Quindi, prima mettere qualcosa in bocca annusalo: se è il cibo giusto per te in quel momento avrà un profumo molto invitante. Se non è il cibo giusto, avrà un odore ripugnante.

Rispetta il tuo senso dell’olfatto e ascoltalo.

Il problema è che molte persone nel mondo moderno hanno un olfatto danneggiato a causa dell’uso di profumi sintetici.

Tutto artificiale, prodotti chimici come detersivi per bucato, per la pulizia domestica, deodoranti e profumi che bloccano i recettori olfattivi nel naso.

Il tuo naso ha un numero limitato di recettori olfattivi e una volta che questi sono bloccati dalle sostanze chimiche, quando arriveranno nuove molecole di quella sostanza non avranno posto a cui attaccarsi, e quindi tu non riuscirai più a sentirne l’odore.

Abbiamo incontrato tutti persone che odorano come una fabbrica di profumi, ma non si rendono conto di quanto sia eccessivo il loro profumo perché non possono più avvertirlo, i loro recettori dell’olfatto nel naso sono bloccati con quelle molecole chimiche.

Lo stesso accade con i comuni detersivi per bucato, che usano fragranze molto potenti per mascherare l’odore sgradevole del detersivo stesso.

Le persone che li usano regolarmente non riescono più a sentirne l’odore, perché queste persone sono sempre esposte a questo odore attraverso i propri vestiti, asciugamani e biancheria da letto.

Queste persone non possono nemmeno annusare correttamente il cibo, poiché i loro recettori dell’olfatto nel naso sono occupati permanentemente dal detersivo per il bucato.

Per ripristinare il tuo olfatto, rimuovi tutti i prodotti chimici maleodoranti/profumati dal tuo ambiente: sostituisci il detersivo per il bucato con uno naturale non profumato e non utilizzare alcun profumo, nella cura personale o nei deodoranti per ambienti.

In poche settimane i tuoi recettori olfattivi si puliranno si rialzeranno e il tuo olfatto tornerà.

Il senso del GUSTO

Il cibo è uno dei più grandi piaceri della vita, e così deve essere! Se il cibo non è piacevole, allora è il cibo sbagliato per te in quel momento (non importa quanto sia “sano”)!

Quindi, ascolta il tuo senso del gusto e rispettalo! È tuo amico, è uno dei canali di comunicazione tra l’intelligenza interiore del corpo e la tua mente cosciente.

In quale altro modo il tuo corpo ti direbbe che ha bisogno di un particolare mix di nutrienti, se non dandoti un grande piacere nel consumarli sotto forma di cibo?

Il guaio è che molte persone hanno un senso del gusto alterato o offuscato a causa del consumo di alimenti trasformati.

Molti alimenti trasformati contengono sostanze chimiche che alterano il gusto, che vengono appositamente aggiunte al “cibo”.

Queste sostanze chimiche non sono solo tossiche, ma possono alterare a lungo la tua percezione del gusto, quindi è fondamentale smettere di consumare alimenti trasformati per ripristinare il normale senso del gusto.

Molte carenze nutrizionali possono alterare la percezione del gusto (la carenza di zinco è particolarmente nota per questo).

Quando inizi a consumare una dieta sana e naturale, le tue carenze nutrizionali lo faranno diminuire e il tuo senso del gusto tornerà.

Anche le tossine in bocca possono alterare la percezione del gusto. Prova a lavarti i denti con olio d’oliva spremuto a freddo (o qualsiasi altro olio spremuto a freddo) al posto del dentifricio: questa procedura ayurvedica ha un buon effetto sulla disintossicazione della bocca.

Rivolgersi a un dentista olistico è molto importante, perché molto dentisti usano materiali in bocca che possono renderla tossica e alterare il senso del gusto.

Il senso di SODDISFAZIONE dopo aver mangiato

Se in quel momento hai consumato un pasto adeguato alle esigenze nutrizionali del tuo corpo, ti sentirai pienamente soddisfatto.

Non ci saranno voglie per qualcos’altro, solo una sensazione di soddisfazione, che ti permetterà di concentrarti su altre cose della vita e dimenticare il cibo per un po’.

È importante non mangiare troppo, così non ti senti “imbottito”.

Se ascolti il piacere che deriva dal cibo, non ne mangerai troppo perché ti fermeresti non appena il cibo smette di essere piacevole.

Piacere acceso / spento sono i segnali che il corpo ti dà per farti conoscere i suoi bisogni.

Il tuo senso di piacere ti farà mangiare finché il tuo corpo ha ancora bisogno dei nutrienti di quel particolare cibo; non appena il tuo corpo ne avrà avuto abbastanza di quei nutrienti, il cibo smetterà di darti piacere.

Il desiderio di cibi dolci è comune tra le persone GAPS a causa dell’instabilità della glicemia.

Ci vuole tempo per normalizzare la glicemia e il modo più efficace per affrontarlo è aumentare il consumo di grassi, in particolare di grassi animali (rispettando il tuo senso del piacere).

Quindi, consuma molti grassi animali con i tuoi pasti. Per avere un livello stabile di glicemia lontano dai pasti puoi preparare una miscela di burro crudo (o olio di cocco) con un po’ di miele crudo a piacere, mettilo in un barattolo di vetro che puoi portare con te e assumine un cucchiaio ogni 20-30 minuti per tutto il giorno. Questo sistema può essere molto utile all’inizio del trattamento.

Poi la regolazione della glicemia si otterrà attraverso l’applicazione del Programma nutrizionale GAPS, sarai in grado di ridurre gradualmente e smettere di mangiare questa miscela burro/miele.

Come applichiamo questi consigli nella dieta GAPS?

La dieta GAPS non è scolpita sulla pietra e devi adattarla al tuo specifico corpo, e alle sue esigenze quotidiane uniche.

La dieta GAPS ti fornisce l’elenco degli alimenti con cui lavorare. Quando mangiarli e in quali proporzioni dipende da te. Ascolta i bisogni del tuo corpo, attraverso i sensi del desiderio, dell’olfatto, del gusto e della soddisfazione.

Per esempio, un giorno potresti desiderare solo una mela a colazione, ma domani potresti volere una ricca colazione cucinata a base di uova, pancetta, salsicce e insalata.

Un giorno puoi essere molto soddisfatto a bere solo brodo di carne e mangiare un po’ di pollo, ma il giorno dopo puoi non aver affatto voglia di carne o brodo di carne e sei molto più felice di mangiare verdure e yogurt.

Il tuo corpo ti farà sapere quali proporzioni di proteine, grassi e carboidrati desidera ad ogni pasto. Come?

Attraverso il desiderio di cibi particolari.

Quindi quando ti siedi per un pasto in famiglia, mangia solo ciò che ti piace in quel momento.

È essenziale ascoltare i desideri del tuo corpo quando segui la dieta GAPS – introduttiva o completa.

I tuoi desideri ti faranno sapere quanto velocemente passare attraverso le fasi della dieta introduttiva. È possibile che tu debba mangiare qualcosa che non è permesso se lo desideri davvero, perché è così che il tuo corpo vuole in quel momento e devi rispettarlo.

Sei unico e nessuno può prescriverti la giusta sequenza di introduzione dei cibi.

Se tu segui la dieta introduttiva GAPS alla lettera e ti senti bene, ma poi un giorno hai una voglia forte di pomodori crudi (che non sono previsti nel piano), ascolta questo desiderio!

Questo è il corpo che ti dice che ha bisogno di particolari nutrienti in quel momento particolare, e i pomodori crudi glieli forniranno.

Se neghi al tuo corpo i suoi bisogni potresti metterti nei guai: il tuo equilibrio elettrolitico potrebbe alterarsi o i tuoi ormoni potrebbero non funzionare bene o qualcos’altro non andrà come deve.

Sì, avrai “sgarrato” mangiando pomodori, ma una volta che quel particolare bisogno del tuo corpo è stato soddisfatto, puoi continuare con il tuo programma.

Qualsiasi progresso passa attraverso due fasi, un passo avanti e poi un passo indietro, e la guarigione non fa eccezione.

Quindi, non preoccuparti di “barare” nella dieta a volte se il tuo corpo lo richiede davvero.

Questo non è barare, ma è lavorare con il tuo corpo e rispettarlo.

Ricorda, il tuo corpo sa infinitamente di più su se stesso di quanto sapremo mai con tutta la nostra intelligenza e scienza!

Ricorda anche che le esigenze nutrizionali del tuo corpo cambiano continuamente. Quindi, il tuo desiderio di alcuni alimenti cambierà continuamente: ciò che è sembrato meravigliosamente soddisfacente a colazione potrebbe non essere così attraente per il pranzo, e ciò che era delizioso nel pomeriggio potrebbe sembrare ripugnante a cena.

Tutti questi sentimenti sono molto validi e dovrebbero essere ascoltati!

Sei un individuo unico, quindi ciò che si adatta a un’altra persona potrebbe non andar bene a te.

Come lo applichiamo ai bambini che seguono la dieta GAPS?

Come genitori dobbiamo prendere decisioni per i nostri figli.

I bambini GAPS hanno alterati i sensi dell’olfatto, del gusto e del desiderio di cibi, e possono avere forti voglie e dipendenze proprio dagli alimenti che li danneggiano.

Le voglie e le dipendenze di solito sono per alimenti trasformati.

Quando avviamo il protocollo nutrizionale GAPS rimuoviamo tutti i cibi elaborati e, di conseguenza, i figli possono passare attraverso un periodo di astinenza con ogni sorta di sintomo (comportamentale e fisico).

È importante che i genitori lo capiscano per aiutare il bambino a superare questo periodo difficile: il suo corpo è bloccato in uno stato metabolico malato, e richiede particolari cibi malsani che mantengono e servono quello stato.

Quindi, se non vogliamo mantenere questo stato metabolico malato, non possiamo permettere

al bambino di avere quei cibi.

Spostare il corpo del bambino in uno stato metabolico sano comporta tempo e fatica, e il Programma Nutrizionale GAPS lo farà per te.

Quindi è bene attenersi all’elenco degli alimenti ammessi nella dieta GAPS.

Tuttavia, all’interno di tale elenco, cerca di fornire una buona varietà di cibi tra cui il bambino può scegliere (quando lo stato di astinenza è più o meno finito!).

È molto importante che tuo figlio inizi a usare i sensi del desiderio, odore, gusto e soddisfazione. Il tuo bambino avrà bisogno di tempo per imparare a usare questi sensi e per scoprirli in primo luogo, come in uno stato metabolico malato questi sensi erano soppressi e offuscati. Quindi, riempi la casa di cibo GAPS e permetti a tuo figlio di scegliere (ovviamente entro limiti ragionevoli).

Consenti a tuo figlio di esplorare il cibo nel modo in cui lui vuole, mangiare con le mani, mangiare freddo o tiepido, mangiare a tavola o in giro tutto giorno.

Nei primi anni di vita, a partire dalla prima introduzione dei cibi solidi, neonati e bambini sviluppano il loro RAPPORTO CON IL CIBO.

Questa fase è estremamente importante per la loro vita, perché se viene persa allora possono presentarsi molti problemi (non solo di alimentazione, ma di comportamento, atteggiamento, emozioni e persino apprendimento)!

Tutti i sensi del bambino devono essere coinvolti nel processo: il tatto, la vista, l’olfatto, il gusto, ecc.

Hanno bisogno di toccare il cibo, capire la temperatura e la consistenza con le dita, l’aroma e l’aspetto.

Hanno bisogno di usare i loro recettori di movimento nei muscoli per trasferire il cibo alla bocca (che è un atto volontario derivante dalla decisione del bambino di farlo, che è molto importante!).

Poi hanno bisogno di annusarlo e gustarlo, di masticare e deglutire, e poi il loro corpo e lo stomaco darà un feedback su come questo cibo sta influenzando le loro interiora e il loro corpo, che completa l’esperienza.

Questa è una miscela molto complessa di sensorialità che i loro piccoli cervelli affrontano per la prima volta nella loro vita, ed è essenziale per il normale sviluppo del cervello, dei nuovi recettori, delle connessioni che si formano nel cervello del bambino durante questo processo, che influenzano profondamente il profilo emotivo di questa persona, la personalità generale e l’atteggiamento nei confronti della vita.

Per rendere questo un processo sano è essenziale lasciare che neonati e bambini piccoli mangino con le loro mani!

In effetti usare le posate ed essere troppo intenti a “mantenere le cose pulite” in questo stadio è dannoso per lo sviluppo del bambino.

Questa fase è molto breve, e il tempo di mangiare “pulito” con le buone maniere arriverà molto presto.

Ma nei primi due-tre anni di vita essere disordinato è la cosa migliore per tuo figlio!

È importante dare loro un cucchiaio e usare un altro cucchiaio per dargli da mangiare, ma il cibo dovrebbe essere davanti ai bambini, a portata delle loro mani e dovrebbero essere profondamente coinvolti nel consumarlo.

Quando il bambino viene nutrito da qualcun altro e non gli è permesso di essere completamente coinvolto nel processo, il cervello non si sviluppa come dovrebbe (perché riceve un input sensoriale limitato).

Deve essere un’esperienza volontaria per il bambino, un atto in cui è profondamente coinvolto, affinché il suo cervello sviluppi nuovi recettori e risvegli nuovi centri di apprendimento.

Molte persone non si rendono conto di quanto sia importante il cibo nella nostra vita!

E quanto per i bambini sia una componente fondamentale della loro introduzione alla vita e il loro sviluppo armonico.

Questa fase di sviluppo influenzerà il modo in cui affronteranno la vita, perché modella i loro profili emotivi e le loro personalità!

Se tu investi in questa fase dello sviluppo le ricompense saranno grandi peri tuoi figli per il resto della loro vita!

I bambini a cui è permesso di sviluppare un sano rapporto con il cibo di solito sono positivi e solari.

Affinché il bambino sviluppi i sensi normali in relazione al cibo, ha bisogno di cose naturali, di cibi sani pieni di sapore e gusto, ricchi e soddisfacenti.

Il cibo deve essere fatto in casa con ingredienti naturali freschi.

In conclusione: Madre Natura ha impiegato miliardi di anni per progettare il corpo umano, una creazione incredibilmente intelligente!

Così come sono stati progettati gli alimenti naturali su questo pianeta, l’intelligenza del tuo corpo interiore conosce la loro composizione e sa quali cibi scegliere per particolari esigenze.

Tutto quello che dobbiamo fare è trattare questa intelligenza con rispetto. Usa i tuoi sensi dell’olfatto, del gusto, del desiderio di cibo e della soddisfazione nel mangiarlo a guidarti nelle tue decisioni: quando mangiare, quali cibi mangiare e in quali abbinamenti.

E ricorda: tu sei unico, quindi ciò che si adatta a chi ti è accanto potrebbe non adattarsi affatto a te.

Scarica la GUIDA ALLA DIETA GAPS!

Invia il form e ricevi gratuitamente la GUIDA ALLA DIETA GAPS!

È un documento in cui ho desiderato semplificare, riorganizzare e riordinare tutti i punti importanti per seguire al meglio il protocollo GAPS.

Non sostituisce una consulenza e un piano nutrizionale personalizzato, ma è uno strumento utile per comprendere quali patologie si possono trattare, quali sono i cibi consentiti nella dieta GAPS, stadio per stadio, come si passa dalla dieta GAPS INTRODUTTIVA alla dieta GAPS COMPLETA.

Invia il form e dopo pochi minuti arriverà la guida nella casella email da te indicata. Se non la vedi controlla in “Spam” o “Promozioni”.

Salvala sul tuo smartphone e leggila ovunque sei!

Buona lettura!

Dott.ssa Caterina Borraccino

INVIA IL FORM PER RICEVERE LA “GUIDA alla DIETA GAPS”

 
 
Foto 17-04-21, 21 26 46

TI ASPETTO SU FACEBOOK

Segui la Pagina BenEssere Paleo con un Like e sarai aggiornato sui nuovi articoli!

Ti aspetto nel Gruppo BenEssere Paleo per parlarne insieme!

Dicembre 18, 2021

Tag:, ,

Lascia un commento