Autismo e dieta GAPS

Perché si soffre di autismo e quali sono le cause e i rimedi che propone la dieta GAPS?

Qui di seguito vi riporto un articolo della dottoressa Natasha Campbell-McBride pubblicato nel Journal of Complementary and Alternative Medicine, novembre 2005.

Qui in basso puoi SCARICARE GRATUITAMENTE la GUIDA ALLA DIETA GAPS!

L’autismo: un’epidemia mondiale


Negli anni ’90 nei paesi occidentali l’incidenza dell’autismo era in media un bambino su 10.000.

Nel 2005, secondo il Dipartimento della Salute del Regno Unito, a 1 bambino su 166 in Gran Bretagna viene diagnosticato l’autismo.

Secondo il Centro USA per il controllo delle malattie (CDC), circa 1 bambino americano su 150 viene diagnosticato con questo disturbo.

Numeri simili sono riportati dalla Autism Canada Foundation.

Uno studio finlandese pubblicato nell’ European Journal of Child and Adolescent Psychiatry (2001, volume 9) ha riportato un tasso di incidenza di 1 bambino su 483 con diagnosi di autismo in Finlandia.

In Svezia il tasso è di 1 bambino su 141. Numeri simili provengono dalla Russia e dall’Estremo Oriente.

C’è un’inconfondibile epidemia di autismo che sta dilagando in tutto il mondo, cosa che non può essere spiegata dalla genetica.


Come e perché si sviluppa l’autismo?


L’autismo è essenzialmente un disturbo digestivo.

Salvo rare eccezioni, la stragrande maggioranza di questi bambini nascono con un cervello normale. Tuttavia, nei primi due anni di vita l’apparato digerente del bambino, invece di essere una fonte di nutrimento per il bambino, diventa una delle principali fonti di tossicità.

Accumulano centinaia di varie tossine prodotte nel loro intestino e le assorbono attraverso le pareti intestinali, riversandosi nel sangue, e da qui trasportate fino al cervello che viene invaso da elevata tossicità.

I bambini autistici di solito hanno occhi, orecchie, sensibilità tattile normali e papille gustative.

Tutte le informazioni raccolte da questi organi sensoriali vengono trasmesse al cervello per elaborarle e da cui imparare.

Guardando, ascoltando, gustando e toccando, il bambino impara a comunicare e a comportarsi in modo appropriato.

Tuttavia, se il cervello è ostruito dalla tossicità, non può elaborare queste informazioni sensoriali e non può imparare da esse.

Di conseguenza tutto ciò che il bambino sente, vede, tocca e gusta si trasforma in un rumore nella sua testa, a volte spaventoso, a volte piacevole e a volte eccessivo.

Da questo rumore il bambino non può imparare nulla di utile.

Questa situazione si sviluppa nel momento più delicato della vita del bambino, nei primi due anni, quando il linguaggio, la comunicazione e il comportamento vengono appresi, ma questi sono tutti
insegnamenti che un bambino autistico non acquisisce.


Perché l’apparato digerente si trasforma in una fonte di tossicità?

Perché questi bambini non sviluppano una normale flora intestinale.

I bambini nascono con un sistema digerente sterile.
Nei primi 20 giorni di vita la loro superficie sterile viene popolata da una miscela di microbi, che diventa la flora intestinale del bambino.

La flora intestinale è una delle più importanti parti della nostra fisiologia umana.

In una situazione sana la flora intestinale è dominata da batteri benefici, che svolgono un gran numero di funzioni vitali nel corpo.

Se il bambino non acquisisce una normale flora intestinale il suo apparato digerente non può essere sano e non può digerire e assorbire correttamente il cibo.

Sono presenti coliche, feci anormali, gonfiore e reflusso praticamente in ogni bambino autistico dall’inizio della sua vita.

Malassorbimento a cui seguono carenze nutrizionali.


La flora intestinale è anche la mano destra della nostra immunità.

Se il bambino non sviluppa un intestino con una normale flora allora rimane immunodepresso.

Il risultato sono allergie, autoimmunità e infinite infezioni dell’orecchio, infezioni del torace, impetigine e raffreddori per i quali di solito vengono prescritti antibiotici ad ampio spettro.

I bambini autistici ricevono numerosi cicli di antibiotici nei primi anni di vita. Ogni ciclo di antibiotici danneggia i batteri benefici dell’intestino.

Uno dei ruoli più importanti dei batteri benefici è controllare la crescita di altri batteri, virus e funghi patogeni (cattivi).

Dopo ogni ciclo di antibiotici questi microbi patogeni vanno fuori controllo, crescono e
prosperano, occupando vaste aree dell’apparato digerente del bambino.

I più comuni patogeni identificati nei bambini autistici sono:

  • Clostridia

  • Candida


Questi sono i microbi da cui scaturiscono centinaia di sostanze tossiche dall’intestino al cervello, le stesse tossine che rendono il bambino autistico.


Per capire perché abbiamo un’epidemia di autismo, dobbiamo capire da dove proviene la flora intestinale del bambino.

Viene dalla madre e dal padre.

Guardando la salute dei genitori dei bambini autistici diventa chiaro che ne abbiamo un’altra
epidemia – un’epidemia di disbiosi intestinale o flora intestinale anormale dovuta all’uso di droghe
(antibiotici e altro) e i nostri stili di vita moderni.

I genitori, principalmente la madre, passano la propria flora intestinale anormale al bambino al momento della nascita.

Da qui inizia l’intero processo devastante del loro bambino verso l’autismo.

L’epidemia di autismo è frutto dell’epidemia di disbiosi intestinale

Allora, come aiutiamo un bambino autistico?
Il nostro obiettivo è fermare il flusso di tossine al cervello, che consentirà al bambino di elaborare
input sensoriali e imparare da esso.

Per fermare il flusso di tossine, dobbiamo concentrarci sulla fonte di tossicità: l’apparato digerente del bambino.

Dobbiamo riparare la parete intestinale, rimuovere i microbi che causano malattie e ristabilire la normale flora.

Quando noi raggiungiamo questi obiettivi, il sistema digestivo del bambino inizierà a nutrire il corpo invece di avvelenarlo.

L’instaurazione di una normale flora intestinale riequilibrerà il sistema immunitario del bambino permettendogli di funzionare come dovrebbe.

Questa aiuta a prevenire allergie, intolleranze alimentari e patologie autoimmuni, che sono tutte molto
tipiche dei bambini autistici.


Come ripariamo l’intestino?


Nel libro “La Sindrome Psico intestinale.Trattamento naturale per autismo, ADHD/ADD, dislessia, disprassia, depressione e schizofrenia” è descritto in molto dettagliato come e perché si sviluppa l’autismo e come gestirlo utilizzando un valido protocollo nutrizionale.

È un libro di auto-aiuto con una sezione di ricette completa ed è scritto in maniera comprensibile.

È diventata una guida preziosa sia per i praticanti che per i genitori.
Qui vedremo brevemente i punti principali del protocollo di trattamento.


Dieta


Una dieta appropriata per l’autismo è un argomento enorme e non può essere trattato in poche parole. Quello che va sottolineato è che la dieta è al primo posto e la parte più importante del trattamento per l’autismo.

Come mai?

Perché il sistema digestivo umano è un lungo tubo. Quello con cui riempiamo quel tubo ha un effetto diretto sul nostro benessere.

La superficie dell’intestino è assorbente, ha una meravigliosa struttura di protuberanze simili a dita, chiamate villi e profonde cripte tra di loro. Le cellule epiteliali chiamate enterociti, che ricoprono i villi, sono le stesse cellule che completano il processo digestivo e assorbono i nutrienti dal cibo.


Queste cellule lavorano molto duramente, quindi devono essere sempre giovani e in buona forma per fare il proprio lavoro in modo efficiente.

Come al solito, Madre Natura l’ha organizzata nel modo perfetto.


Questi enterociti nascono costantemente nelle profondità delle cripte. Poi viaggiano lentamente
alla sommità dei villi, svolgendo il loro lavoro di digestione e assorbimento mentre diventano sempre più maturi fino all’arrivo in “vetta”.

Quando raggiungono la cima dei villi, si staccano. In questo modo l’epitelio dell’intestino viene costantemente rinnovato per garantire la sua capacità di svolgere bene il suo lavoro.


I batteri benefici orchestrano questo processo di rigenerazione cellulare nell’intestino.

Se questi i batteri sono danneggiati l’intero processo va fuori uso: gli enterociti degenerano e non sono in grado di svolgere il loro lavoro di digestione e assorbimento cibo.

Questo è ciò che accade nei bambini autistici.

Gli alimenti che gli enterociti normalmente digeriscono sono amidi e zuccheri complessi.

Ma quando gli enterociti sono danneggiati, sono incapaci di svolgere questa funzione, e gli amidi e gli zuccheri complessi diventano cibo perfetto per microbi patogeni nell’intestino.

Vengono convertiti in un fiume di tossine che scorre dall’intestino al cervello del bambino.


La dieta è quindi pianificata per rimuovere amidi e zuccheri, che aumentano i danni al
rivestimento intestinale del bambino e nutrono esclusivamente i microbi patogeni.

Si basa sulla Dieta Carboidrati Specifici


Sviluppata da un famoso gastroenterologo americano Sidney Haas, questa mira ad eliminare dalla dieta tutti gli amidi e gli zuccheri complessi ovvero:

  • tutti i cereali e tutto ciò che ne è ricavato

  • zucchero in qualsiasi forma

  • verdure amidacee, come patate, pastinache, patate dolci, patate dolci e carciofi

  • la maggior parte dei legumi, compresa la soia

  • zucchero del latte, detto Lattosio, e quindi il latte.

Tuttavia, prodotti a base di latte fermentato, come yogurt naturale, burro, formaggi naturali e panna acida sono senza lattosio e sono consentiti.

I prodotti derivanti dal latte fermentato devono essere introdotti gradualmente per evitare l’assorbimento parziale di proteine ​​del latte indigerite (caseine), che hanno una struttura oppiacea e possono svolgere un ruolo serio nello sviluppo dell’autismo.

Nel libro è spiegato come introdurre in sicurezza i latticini.


Gli alimenti trasformati devono essere completamente eliminati poiché la maggior parte di essi contiene amidi, zucchero, latte, soia e altri ingredienti non ammessi nella dieta.

In cima a questi, gli alimenti trasformati sono pieni di numeri “E”, colori, aromi, conservanti
e altri additivi, che i bambini autistici non devono consumare.

Tutto ciò che il bambino mangia deve essere preparato a casa con ingredienti freschi


E cosa mangia allora il bambino?

È una dieta molto nutriente e densa, che se introdotta correttamente affronta la maggior parte delle carenze nutrizionali in modo naturale.


Questi sono gli alimenti consigliati:

  • tutte le carni acquistate fresche o congelate e cucinate in casa

  • pesce e crostacei acquistati freschi o congelati e cucinati in casa

  • uova di buona qualità

  • prodotti a base di latte fermentato

  • tutte le verdure tranne quelle amidacee

  • tutta la frutta matura, poiché la frutta acerba contiene molto amido

  • frutta secca senza additivi

  • noci e semi, non lavorati, appena sgusciati

  • oli spremuti a freddo

  • miele naturale non lavorato


Per un elenco completo degli alimenti da evitare e degli alimenti consentiti nella dieta, fare riferimento al libro.


Il fatto che i cereali non siano ammessi non significa che il bambino debba essere privato
pane, frittelle, torte alla frutta, pizza, muffin e biscotti, purché cotti in casa usando la farina di frutta secca al posto di qualsiasi altra farina (ricette nel mio libro).

La farina può essere di qualsiasi varietà di frutta secca finemente macinata.

La farina di mandorle se acquistata deve essere da negozi di alimenti biologici.


Una DIETA INTRODUTTIVA deve essere seguita nei casi in cui c’è abbondante diarrea, ulcere e forti crampi addominali.

Quando questi sintomi vengono eliminati, il bambino può passare alla DIETA COMPLETA.


Un grosso problema per molti genitori di bambini autistici è il fatto che la maggior parte di questi bambini sono estremamente esigenti.

Da qualche momento nel secondo anno di vita questi bambini limitano la loro dieta a una manciata di cibi, solitamente dolci e ricchi di amido.

Ci sono spiegazioni fisiologiche di questo atteggiamento verso il cibo. I bambini autistici rimangono intrappolati in un circolo vizioso di voglie, intolleranze e dipendenze alimentari e senza un aiuto non sono in grado di uscire da quel ciclo.

Il motto della vecchia nonna ‘Oh, mangerà quando ha fame!’ non funziona con questi bambini.

In un capitolo “È l’ora della pappa. Oh no!” è spiegato un approccio strutturato per introdurre gli alimenti nel menu di un bambino esigente utilizzando l’analisi del comportamento applicata.

Questo metodo ha già funzionato con centinaia di bambini che avevano una dieta estremamente limitata e in poco tempo ha iniziato a mangiare un menù vario di cibi nutrienti.

Ci vuole determinazione e un po’ di impegno da parte dei genitori ma il risultato rende l’ora dei pasti un’esperienza piacevole per tutta la famiglia.


Integrazione


Tutti amiamo molto i nostri bambini piccoli o grandi e siamo preparati a fare il nostro meglio per loro, non importa quanto difficile o costoso possa essere.

Questo ci rende vulnerabili a provare qualsiasi cosa nella speranza che possa aiutare i nostri figli. Spesso si incontrano famiglie che somministrano al proprio bambino 10, 15, 20 o più integratori alimentari senza alcuna idea se qualcuno di loro stia facendo qualcosa di buono.

Non si consiglia di dare molti integratori ad un bambino.

I bambini dovrebbero nutrirsi dal cibo.


Tuttavia, ci sono alcuni integratori che sono essenziali per curare l’intestino e ripristinare l’immunità e la funzione cerebrale.

Il protocollo di integrazione deve essere molto individuale e idealmente dovrebbe essere elaborato da un professionista qualificato. Ci concentreremo sull’essenziale assoluto.

La maggior parte dei pazienti autistici progredisce molto bene con l’uso della dieta e di integratori essenziali senza aggiungere null’altro.


Probiotici

Molti probiotici sul mercato non sono forti abbastanza e non hanno la giusta miscela di batteri per essere terapeutici. 
Ha sempre senso lavorare con un professionista qualificato con esperienza nell’uso di probiotici che aiuteranno a scegliere integratori di buona qualità.

Ecco alcune linee guida generali da seguire.
Un buon probiotico dovrebbe avere tante specie diverse di batteri benefici quante sono possibile.

Un intestino umano contiene centinaia di specie conosciute di batteri diversi.
Dovremmo cercare di avvicinarci il più possibile.

Le specie di batteri hanno diversi punti di forza e di debolezza. Se ne abbiamo una miscela
allora abbiamo maggiori possibilità di trarre il massimo beneficio.


Una miscela di ceppi diversi di batteri probiotici è più vantaggiosa di un solo gruppo. Una combinazione dei tre principali gruppi: lattobacilli, bifidobatteri e batteri del suolo di solito funzionano meglio.


Un buon probiotico dovrebbe avere una quantità concentrata di batteri: almeno 8 miliardi di cellule batteriche per grammo. Deve fornire batteri probiotici in grandi dosi per vedere un miglioramento.


Il produttore del probiotico dovrebbe testare ogni lotto per forza e composizione batterica e dovrebbe essere preparato a pubblicare i risultati dei test.


Una volta trovato un buon probiotico devi sapere come usarlo. Un probiotico con una buona forza terapeutica produrrà sempre una cosiddetta “reazione di morte”.

Cos’è la “reazione di morte”?

Quando introduciamo i batteri probiotici in un sistema digestivo, iniziano a distruggersi i batteri patogeni, virus e funghi. E quando questi patogeni muoiono rilasciano tossine.


Queste sono le tossine che hanno reso il paziente autistico.

Quindi, i sintomi del paziente possono temporaneamente peggiorare.

È una reazione temporanea e di solito dura da pochi giorni a poche settimane in individui diversi.

Per rendere questa reazione più lieve possibile, si può aumentare lentamente la dose del probiotico. Questo periodo di aumento della dose può richiedere da alcune settimane ad alcuni mesi in diversi pazienti.

È molto individuale e dipende da quanta crescita eccessiva di patogeni la persona ha nell’intestino.


Una volta che il paziente ha raggiunto il livello di dose terapeutica questa deve essere mantenuta
in media circa sei mesi.

Ci vuole almeno questo tempo per rimuovere la flora patogena e iniziare a ristabilire la normale flora intestinale.

Aderire alla dieta è assolutamente indispensabile in questo periodo. Se continuiamo a nutrire agenti patogeni nell’intestino, allora il probiotico non avrà molte possibilità di aiutare il paziente.


Al termine del periodo terapeutico, la dose del probiotico può essere ridotta a un livello di mantenimento.

Per assumere probiotici non dobbiamo continuare ad usare preparazioni commerciali. Possiamo integrare la dieta con cibi fermentati nella forma di yogurt fatto in casa, kefir, crauti e altri cibi fermentati.


Acidi grassi essenziali: omega-3 e omega-6

Molta ricerca e esperienza clinica è stata accumulata per dimostrarne l’efficacia. A causa della tossicità dei corpi, i bambini autistici non possono convertire i grassi omega (che provengono da semi e noci) nei loro derivati: EPA, DHA, GLA/DGLA e AA.

Quindi, queste forme di grassi essenziali devono essere fornite già pronte. Ci sono molti integratori di buona qualità sul mercato con miscele di EPA, DHA e GLA/DGLA.

Uno in particolare, AA (acido arachidonico), non proviene da nessun integratore.


Questo acido grasso omega-6 costituisce il 12% di tutto il grasso cerebrale.

È di gran lunga l’acido grasso più abbondante nel cervello. La ricerca mostra che i pazienti con autismo, schizofrenia, disturbo bipolare e depressione perdono AA in grandi quantità dalle loro membrane cellulari, dove si trova naturalmente.

La carenza di AA significa che qualsiasi funzione, non importa quanto piccola o grande, non può essere realizzata in modo efficiente tra le cellule cerebrali, le cellule immunitarie e le altre cellule del corpo.

Nell’autismo, per tossicità, infiammazione e altri fattori, l’enzima chiamato PLA2 diventa iperattivo, lasciando disperdere l’ AA dalle cellule cerebrali, lasciandole carenti di questo acido grasso vitale.

Ecco perché è molto importante per un bambino o adulto autistico avere un introito di AA ogni giorno. Da dove prendiamo AA?

AA deriva da grassi animali nella carne, uova e latticini. Non puoi trovarlo da nessun’altra parte!

Ecco perché la dieta a base di grassi è del tutto inappropriata per i pazienti autistici, dovrebbero avere tutti i grassi, da carne, uova e burro.


L’olio di fegato di merluzzo

È la migliore fonte di vitamina A per i bambini autistici, che sono carenti di questa vitamina.

La vitamina A è essenziale per la rigenerazione cellulare nell’intestino, funzionamento del sistema immunitario e una miriade di altre funzioni del corpo.


Esistono molte forme biochimiche di vitamina A.

L’olio di fegato di merluzzo fornisce la forma giusta per i bambini autistici ed è un integratore essenziale per loro. Altre buone fonti di la vitamina A sono i grassi animali nelle carni, nelle uova e nei latticini.

Per dosi precise di olio di fegato di merluzzo per diverse fasce d’età si prega di fare riferimento al libro.


Altri integratori come acido gastrico, enzimi digestivi pancreatici, vitamine, minerali, aminoacidi possono essere necessari.

Tuttavia, questi supplementi non sono essenziali in determinate situazioni.


In conclusione, l’autismo non è un disturbo del destino.

Ci sono centinaia di casi pubblicati in tutto il mondo in cui i bambini autistici sono completamente guariti e conducono una vita normale.

_______________________

Dott.ssa Caterina Borraccino

Biologa Nutrizionista

Certificata GAPS PRACTITIONER

__________________________________

La Dieta GAPS è stata messa a punto dalla dottoressa Natasha Campbell-McBride.

GAPS è l’acronimo di Gut and Psychology Syndrome, ma anche di Gut and Physiology Syndrome, ovvero la Sindrome Psico-intestinale e la Sindrome Fisio-Intestinale.

Ti consiglio di leggere i suoi libri, puoi trovarli elencati qui: https://benesserepaleo.com/libri

La dieta GAPS è approccio che individua un’intima correlazione tra la salute intestinale e le patologie psicologiche e fisiche.

Se desideri intraprendere un percorso nutrizionale personalizzato secondo le linee GAPS puoi richiedermi una consulenza cliccando qui


Per saperne di più ti invito a leggere il libro della dott.ssa Natasha Campbell-McBride:

“La Sindrome Psico Intestinale”

 

Scarica la GUIDA ALLA DIETA GAPS!

Invia il form e ricevi gratuitamente la GUIDA ALLA DIETA GAPS!

È un documento in cui ho desiderato semplificare, riorganizzare e riordinare tutti i punti importanti per seguire al meglio il protocollo GAPS.

Non sostituisce una consulenza e un piano nutrizionale personalizzato, ma è uno strumento utile per comprendere quali patologie si possono trattare, quali sono i cibi consentiti nella dieta GAPS, stadio per stadio, come si passa dalla dieta GAPS INTRODUTTIVA alla dieta GAPS COMPLETA.

Invia il form e dopo pochi minuti arriverà la guida nella casella email da te indicata. Se non la vedi controlla in “Spam” o “Promozioni”.

Salvala sul tuo smartphone e leggila ovunque sei!

Buona lettura!

Dott.ssa Caterina Borraccino

INVIA IL FORM PER RICEVERE LA “GUIDA alla DIETA GAPS”

 
 
Foto 17-04-21, 21 26 46

Ascolta i miei video:

TI ASPETTO SU FACEBOOK

Segui la Pagina BenEssere Paleo con un Like e sarai aggiornato sui nuovi articoli!

Clicca e iscriviti ai miei Gruppi Facebook:

BenEssere Paleo  BenEssere Paleo Donna  Dieta GAPS Italia

Gennaio 23, 2022

Tag:

Lascia un commento