Cistite e disbiosi intestinale

Come trattare la cistite? Perché si soffre di cistite recidiva?

Queste sono le domande più frequenti che vengono fatte, soprattutto tra donne.

Un disturbo talmente tanto diffuso che sembra ormai comune e “fisiologico”.

Qui non ci si chiede se l’abuso di antibiotici sia un problema, eppure ci ritroviamo sempre in condizioni di non poterne far a meno, è l’ultima spiaggia.

____

Qui in basso puoi SCARICARE GRATUITAMENTE la GUIDA ALLA DIETA GAPS!

____

Ma sappiamo bene che l’antibiotico non può far altro che risolvere apparentemente un problema urgente, mentre danneggia il nostro sistema immunitario e ci espone a recidive.

Ebbene, allora cosa dobbiamo fare?

PREVENIRE!

La cistite infatti, è molto spesso l’ultimo campanello d’allarme di una situazione già in pericolo.

Per questo NON VA MAI SOTTOVALUTATA e ti invito a leggere con attenzione cosa la provoca, e come trattarla attraverso la DIETA E INTEGRAZIONE SPECIFICA.

Buona Lettura,

Dott.ssa Caterina Borraccino

Biologa Nutrizionista

Certificata GAPS PRACTITIONER

Ascolta il mio video per comprendere meglio i contenuti dell’articolo

 

 

I problemi cominciano alla nascita

Nelle prime settimane di vita le membrane mucose e la pelle di un neonato si popolano della stessa flora presente nell’intestino, svolgendo un ruolo cruciale nella protezione di tali superfici da agenti patogeni e tossine.

Ma la flora intestinale di un neonato è quella che gli passa la mamma (e indirettamente il papà) attraverso il canale del parto. Oppure quella a cui viene a contatto dopo un cesareo, ovvero i microrganismi presenti nell’ambiente in cui nasce.

Se i nostri genitori possedevano un disordine nell’equilibrio dei microrganismi presenti nei loro intestini, i nascituri “ereditano” questa disbiosi intestinale, e i “disordini” andranno ad invadere anche l’inguine e la vagina di una neonata.

Allo stesso modo accadrà per l’uretra e la vescica urinaria che avranno una flora simile a quella vaginale: in una situazione normale dovrebbe essere predominata da Lactobacilli, in gran parte L. crispatus e L. jensenii.

Questa flora produce acqua ossigenata, riducendo il pH nella zona, cosa che ci protegge da patogeni non facendoli aderire.

L’uretra e la vescica che presentano invece un disordine a livello di microrganismi, non sono più protette e cadono preda di microbi patogeni, che causano infezioni del tratto urinario.

 

Dall’intestino alla vescica: urina ricca di tossine

I patogeni più comuni che causano infezioni delle vie urinarie sono E.coli, Pseudomonas aeruginosa e Staphylococcus saprophyticus, provenienti dall’intestino e dall’inguine.

L’urina è una delle sedi di eliminazione delle tossine dall’organismo.

Ma da dove arrivano queste tossine? Come ci arrivano questi batteri nella vescica?

Quando abbiamo un intestino sofferente, che non ha più un sano equilibrio tra batteri “buoni” e quelli “potenzialmente cattivi”, parliamo di disbiosi intestinale.

È facile riconoscerla anche solo dai nostri sintomi:

  • gonfiore addominale

  • meterorismo

  • stipsi o diarrea

  • dolori addominali e crampi

E credimi, è una delle problematiche più raccontate dai miei pazienti in consulenza!

Ebbene, quando si hanno questi sintomi non si dovrebbe aspettare, è necessario rimettere in ordine la dieta e lo stile di vita per evitare quello che sto per scriverti (e sicuramente evitare la cistite!).

Quando è presente questa disbiosi intestinale, i batteri “potenzialmente cattivi” prendono il sopravvento!

Producono grandi quantità di diverse le tossine che a lungo andare danneggiano la parete intestinale fino al punto di poterla attraversare.

 

Parliamo di PERMEABILITA’ INTESTINALE!

È qui che il danno è già fatto, le tossine possono facilmente attraversare la parete intestinale danneggiata ed essere assorbite nel flusso sanguigno.

 

E qual è il nostro sistema per eliminare le tossine?

Sì, proprio l’urina!

Nell’urina si concentrano tutte queste tossine che cominciano ad irritare il rivestimento della vescica.

I batteri benefici nella vescica e nell’uretra mantengono uno strato protettivo, una barriera mucosa in gran parte costituita da glucosaminoglicani solfatati, prodotti dalle cellule del rivestimento della vescica.

Ma a lungo andare anche questo strato viene danneggiato.

Le sostanze tossiche che sono raccolte nelle urine attraversano anche questa barriera protettiva e arrivano sulla parete della vescica provocando infiammazione e portando a cistite cronica.

Ed è quello che succede in molte donne, alcune addirittura nei loro primissimi anni di vita.

Bambine e donne che soffrono di infezioni urinarie proprio perché sprovviste di un equilibrio di batteri intestinali, ed è purtroppo una serie infinita di recidive che porta alla cosiddetta:

 

CISTITE CRONICA

E cosa facciamo quando arriva questo terribile fastidio?

ANTIBIOTICO!

Ovvero “uccidiamo tutti i batteri”, buoni o cattivi che siano!

Ma come hai appena letto noi abbiamo BISOGNO di batteri!

Abbiamo bisogno di TUTTI i batteri, basta che siano in equilibrio tra di loro.

Così facendo radiamo al suolo le nostre difese intestinali, quei batteri che ci proteggevano, quelli che producevano vitamine per noi, quelli che ci aiutavano a digerire e assimilare nutrienti e micronutrienti…

E con la dieta e lo stile di vita che abbiamo, purtroppo questo ci ha detto nessuno di cambiarlo, torniamo a popolarlo di soli batteri “cattivi”.

  • Produrranno altre tossine

  • Avranno già la strada spianata da quelli che c’erano prima

  • Trovano subito il passaggio aperto nella parete intestinale

  • E via, fino alle urine…

Poi la storia l’hai appena letta e sai come va a finire, anzi, sai come si ricomincia a soffrire di una nuova cistite…e tante altre a seguire.

Allora, cosa dobbiamo fare?

Due cose importanti:

  1. Riparare

  2. Prevenire

Se soffri di cistite, anche se ne hai sofferto solo una volta nella vita, dovresti porre attenzione alla salute intestinale il prima possibile!

Quando si manifesta la cistite vuol dire che siamo già al punto di avere un intestino in pericolo.

E con lui tutto il sistema digerente, l’assimilazione di nutrienti, di vitamine, il benessere non solo fisico ma anche psicologico e neurologico.

Sicuramente stai già soffrendo di almeno uno di questi sintomi:

  • gonfiore e dolore addominale

  • stipsi o diarrea

  • reflusso gastrico, acidità, tachicardie

  • carenza di vitamine, stanchezza, anemia

E se non hai mai avuto la cistite ma avverti comunque almeno uno di questi problemi, avrai capito che devi avere cura del tuo intestino, e devi iniziare subito a prevenire.

Come possiamo agire subito?

Correggere la lista dei cibi e modificare il proprio comportamento durante la giornata.

Sono sempre queste le chiavi del benessere, ma soprattutto in casi urgenti come i disturbi che ti ho appena elencato, ci sono azioni specifiche che dovrai aver cura di seguire per qualche tempo, anche per tutta la vita.

Ricordiamoci che la PERMEABILITA’ INTESTINALE è la prima causa di malattie autoimmuni.

È impressionante vedere quante donne che soffrono di cistite in realtà hanno anche una patologia autoimmune.

L’attenzione che dobbiamo porre non è solo nella ricerca di una soluzione contro la cistite, ma piuttosto verso la prevenzione e il trattamento di patologie ancora più serie e spesso invalidanti.

Questo che hai letto è infatti un estratto di un interessantissimo caso clinico della dott.ssa Campbell-McBride, che trovi qui in cui racconta la storia di una donna trattata con la sua DIETA GAPS, che non soffriva solo di cistite cronica ma di allergie e altre patologie importanti.

Ti invito a leggerlo attentamente così da aver chiaro come la cistite sia solo un “campanello d’allarme”.

Dott.ssa Caterina Borraccino

Biologa Nutrizionista

Certificata GAPS PRACTITIONER

__________________________________

La Dieta GAPS è stata messa a punto dalla dottoressa Natasha Campbell-McBride.

GAPS è l’acronimo di Gut and Psychology Syndrome, ma anche di Gut and Physiology Syndrome, ovvero la Sindrome Psico-intestinale e la Sindrome Fisio-Intestinale.

Ti consiglio di leggere i suoi libri, puoi trovarli elencati qui: https://benesserepaleo.com/libri

La dieta GAPS è approccio che individua un’intima correlazione tra la salute intestinale e le patologie psicologiche e fisiche.

Se desideri intraprendere un percorso nutrizionale personalizzato secondo le linee GAPS puoi richiedermi una consulenza cliccando qui

Per saperne di più ti invito a leggere il libro della dott.ssa Natasha Campbell-McBride:

“La Sindrome Psico Intestinale”

 

Scarica la GUIDA ALLA DIETA GAPS!

Invia il form e ricevi gratuitamente la GUIDA ALLA DIETA GAPS!

È un documento in cui ho desiderato semplificare, riorganizzare e riordinare tutti i punti importanti per seguire al meglio il protocollo GAPS.

Non sostituisce una consulenza e un piano nutrizionale personalizzato, ma è uno strumento utile per comprendere quali patologie si possono trattare, quali sono i cibi consentiti nella dieta GAPS, stadio per stadio, come si passa dalla dieta GAPS INTRODUTTIVA alla dieta GAPS COMPLETA.

Invia il form e dopo pochi minuti arriverà la guida nella casella email da te indicata. Se non la vedi controlla in “Spam” o “Promozioni”.

Salvala sul tuo smartphone e leggila ovunque sei!

Buona lettura!

Dott.ssa Caterina Borraccino

INVIA IL FORM PER RICEVERE LA “GUIDA alla DIETA GAPS”

 
 
Foto 17-04-21, 21 26 46

TI ASPETTO SU FACEBOOK

Segui la Pagina BenEssere Paleo con un Like e sarai aggiornato sui nuovi articoli!

Ti aspetto nel Gruppo BenEssere Paleo per parlarne insieme!

Gennaio 14, 2022

Tag:

Lascia un commento